Translate

mercoledì 22 luglio 2015

SWORDS AND FLAMES, THE TEMPLARS LEGEND

di GIACOMO TACCARI. 
Sabato 15 agosto alle ore 21.30 presso l'Auditorium di Sant'Agostino, a chiusura della settimana di Medievalia, si terrà il concerto "Epic Symphonies-Swords and Flames-The Templars Legend" di cui il giovane compositore Cristiano Filippini è autore.
Si tratta di un' opera sinfonica di stampo epico che descrive musicalmente le gesta di Crociati e Templari partendo dal periodo della gloriosa Prima Crociata fino a quello oscuro dell'Inquisizione.
La prima esecuzione dell'opera si è svolta presso il teatro "G.Rossini" di Pesaro nel Maggio 2012, in collaborazione con l'Orchestra Sinfonica "G.Rossini" composta di 50 elementi e diretta dal M°Daniele Agiman, ottenendo un ottimo riscontro di pubblico e critica.
Per l'occasione l'intera opera è stata

lunedì 20 luglio 2015

MEDIEVALIA 2015!!!

di TULLIA LEONI
Una tradizione che si ripete, ma si rinnova ogni anno e acquista in ricchezza e peculiarità. Torna a San Ginesio, dall'8 al 15 agosto 2015, la settimana di Medievalia, settimana di giochi musica e taverne medievali come leitmotiv, ma anche di cultura, focus storici e originalità contemporanee.
Ad aprire i sette giorni a cura dell'Associazione Tradizioni Sanginesine sarà il giorno della grande Battaglia della Fornarina (8 agosto ore 22,  Porta Picena), la rievocazione dello scontro tra ginesini e fermani del 1377, in cui si mescolano combattimenti, armi, idee di pace e senso civico, per un'ora di spettacolo tra azione e riflessione. Quest'anno, ad introdurla, sarà “Il girotondo dell'uomo”, percorso per le vie del centro storico con squarci drammaturgici su guerra e pace, a partire dalle 18 (la regia dell'intera giornata è di Andrea Fazzini del Teatro Rebis e di Marco Quondamatteo della compagnia dei Morlacchi di Fermo). 
Dalla stessa storia documentaria sanginesina prendono spunto gli altri cinque appuntamenti con il Medioevo e i suoi giochi:

sabato 11 luglio 2015

LA BATTAGLIA DELLA FORNARINA, LA STORIA.

di GIACOMO TACCARI.
<<Ci sono uomini che devono molto di più alla leggenda che alla storia, molto di più alla penna dei letterati che ai loro effettivi meriti; ci sono donne che restano nella memoria letteraria solo per nobiltà designata o acquisita.Ma se accade, com'è accaduto, che una donna popolana per nascita si distinguesse per coraggio e ardimento allora può accadere, com'è accaduto, che non ne venga tramandato il nome.>>
Correva l'anno 1377, la vita scorreva tranquilla nella città fortificata di San Ginesio.
I giovani si addestravano all'uso delle armi per difendere il dominio che avevano su un vasto territorio, le picche si alzavano al cielo e si abbassavano per puntare il nemico, le lame brillavano al sole e gli arcieri tendevano gli archi.
Ma la prosperità dei sanginesini era invisa a Fermo, e le due città si fronteggiavano dall'alto dei loro colli.
Il 30 novembre 

ALBO D'ORO, FACCIAMO IL PUNTO!

di GIACOMO TACCARI.
Il Palio di San Ginesio viene disputato e assegnato fin dal 1970 in rievocazione delle gare disputate dai giovani ginesini, addestrati alla difesa del paese, come attività preparatoria all'uso delle armi.
Le quattro Porte si cimentano in antiche gare: il tiro con la balestra, il tiro con l’arco, la corsa e la spada, la giostra dell’anello e la disputa della pacca.
Anche quest'anno quindi c'è da aspettarsi una serrata competizione, ma qual'è la situazione di partenza?